L'alimentazione del gatto dallo svezzamento all'età adulta

Dalla nascita alle quattro settimane di vita, il gattino è completamente dipendente dal latte materno: questo alimento gli fornisce infatti tutti i principi nutritivi di cui ha bisogno per sopravvivere e crescere.
A partire dal primo mese, il piccolo può passare dal cibo liquido a quello solido: ha inizio così la fase dello svezzamento, che dura solitamente qualche settimana e che porta il gattino ad affrancarsi completamente dal latte materno.

Per aiutarlo in questa delicata fase di transizione esistono alimenti industriali appositamente formulati: si tratta in genere di cibi umidi, molto nutrienti e ricchi di acqua. In mancanza di un alimento umido, è possibile optare per un alimento secco - la cui formula deve essere sempre specifica per gattini nei primi mesi di vita - ed ammorbidirlo con una piccola quantità di acqua o latte. Quando si propone questo nuovo pasto (soprattutto le primissime volte) è importante essere pazienti e usare molta delicatezza: non è raro che il piccolo reagisca con diffidenza, toccando appena il cibo, o rigurgitandolo dopo qualche boccone, o addirittura giocandoci. Ricordiamo sempre che per il gattino ogni novità è una scoperta, e lasciamogli il tempo necessario per abituarsi. Un buon sistema consiste nel lasciare il cibo a disposizione per mezz'ora al giorno; se il piccolo lo rifiuta, forzarlo o rimproverarlo servirà solo a creargli dei traumi. L'unica cosa da fare, in caso di rifiuto, è pulirlo con dolcezza e riportarlo dalla mamma. E' importante che si avvicini al nuovo alimento in modo spontaneo: assolutamente sbagliato, quindi, immergergli il muso nella ciotola o tentare di imboccarlo. Una volta che il micetto avrà accettato il nuovo alimento, si potrà aumentare gradualmente la quantità di cibo solido diminuendo la parte di acqua, latte o cibo umido, fino a servirgli le crocchette da sole: ciò avviene in genere verso le 12 settimane.

Crocchette e alimenti umidi dovranno contenere, in qualità e quantità, tutti i nutrienti in grado di supportare la crescita armoniosa di organi e tessuti e il rafforzamento del sistema immunitario, come le vitamine, i sali minerali, le proteine, gli acidi grassi essenziali, gli antiossidanti. Tutti gli apporti - specialmente quello proteico e quello calorico - dovranno essere molto intensi, ma rispettando allo stesso tempo le necessità di un intestino ancora in formazione: i cibi specifici per gattini, quindi, devono associare ad uno spiccato potere nutritivo la massima digeribilità.

Verso i 12 mesi di età, il gatto ha completato il suo sviluppo ed entra nell'età adulta: l'alimentazione, in questa fase, deve ridurre il dosaggio di alcune particolari sostanze nutritive (proteine, fosforo e magnesio, ad esempio) per non gravare sui reni e sulle vie urinarie. Allo stesso tempo, deve essere privilegiato l'apporto di tutti quei nutrienti funzionali ad un mantenimento ottimale e ad una efficace prevenzione dell'invecchiamento, come gli antiossidanti, gli acidi grassi essenziali omega 3 e omega 6 e le vitamine del gruppo B. Molto utile, in tutte le fasi, il contributo dei fermenti prebiotici, che potenziano le naturali capacità di assimilazione dell'intestino fortificando le difese dell'organismo contro infezioni e malattie.

Il gatto Ragdoll: origini, carattere e aspetto

Le origini del gatto Ragdoll sono avvolte nel mistero: l'unico dato certo riguarda la prima allevatrice che ne ha selezionata la razza, ovvero la statunitense Ann Baker. Da un incrocio tra la sua gatta d'angora Josephine e un gatto di razza incerta (forse un simil-birmano), la Baker ottenne verso la metà degli anni Sessanta una cucciolata di gattini dal carattere straordinariamente mite, che spiccava per la totale assenza di aggressività e per l'insolita attitudine a rilassarsi tra le braccia del padrone. Proprio per questa particolarità, l'allevatrice diede alla razza il nome di "Ragdoll" (bambola di pezza), insistendo con altre selezioni per accentuarne ulteriormente la docilità.

Oggi, il Ragdoll è in assoluto il gatto più dolce e affettuoso al mondo, che nulla ha da invidiare al cane per dedizione all'essere umano. Proprio per questa sua dolcezza, il Ragdoll si distingue per una spiccata sensibilità che lo porta ad offendersi facilmente se ignorato, rimproverato o lasciato solo per troppo tempo. Attenzione quindi: questo gatto non è adatto a chi ha una vita molto intensa al di fuori delle mura domestiche, mentre rappresenta il compagno perfetto per gli anziani, i bambini e le persone sole.

Il gatto Ragdoll, infatti, vive praticamente per il suo umano: lo accoglie festosamente quando rientra a casa, lo segue ovunque di stanza in stanza e ama farsi coccolare per ore e ore. In braccio, si abbandona con totale fiducia: ciò richiede una presa molto salda, in quanto il Ragdoll, a differenza degli altri felini, non sa girarsi prontamente per cadere in piedi.

Mai invadente e assolutamente non aggressivo, il gatto Ragdoll è molto giocherellone e può essere sottoposto ad addestramento. Molto bello d'aspetto, questo gatto ha una corporatura massiccia e voluminosa (è una delle razze feline più grandi del mondo) e stupendi occhi blu intenso; i cuccioli sono tutti bianchi, per poi colorarsi progressivamente in fase di crescita.

Per quanto riguarda il manto, il Ragdoll esiste in tre varietà: Colourpoint (chiaro con estremità più scure), Mitted (con guantini bianchi) e Bicolor (piccola V bianca sul muso, zampe guantate, orecchie e coda più scure). Le colorazioni delle estremità sono diverse: Red (rosso- arancio), Blu (grigio-blu), Seal (marrone scuro), Cream (color crema), Chocolate (marrone chiaro), Lilac (grigio chiaro), Tabby (striato).!

A cura di: Maria Federica Guagnano
 

La determinazione della varietà nel RagdollNella razza Ragdoll noi abbiamo 4 colori tradizionali come tutti sanno, ossia seal, blue, chocolate e lilac point. Si sono poi negli anni aggiunti a questi colori, i nuovi red point, cream point e le realtive squame di tartaruga. Nonché' i lynx point ( detti tabby in Europa) anche se bisogna ricordare che il disegno lynx, non è un colore nè tantomeno una varietà.

Ad ogni modo questo articolo non riguarda i colori, per i quali potete consultare le tabelle comuni alle varie razze sulla trasmissione del colore nel gene himalayano e le sua dominanza.

Parleremo delle varietà.

Le varieta del Ragdoll sono infatti 3 e si distinguono a seconda della pezzatura bianca, esse sono : Colourpoint, Mitted, Bicolore.


Questo almeno limitandosi solo all'aspetto esteriore del gatto, ossia al suo fenotipo.

In realtà le cose sono un po' più complicate se andiamo ad indagare sul genotipo del gatto, cioè ai veri geni di cui egli è portatore. Ci renderemo conto cosi' che, sebbene i bicolori possano sembrare tutti uguali, esistono dei tipi genetici molto diversi tra loro, che produrranno cuccioli molto diversi e che andranno dunque accoppiati di conseguenza, tenendo conto di ciò che sono dentro e non di come appaiono fuori.

Tutto ciò puo' sembrare un po' complicato al neofita. Nessun problema!!

Anche per l'allevatore inesperto, la genetica del Ragdoll, puo' apparire un po' ostica agli inizi. Ci sono persone che ancora pensano che il disegno mitted si trasmetta in modo simile al gene recessivo dei Birmani. Nulla di piu' lontano dal vero! Il Ragdoll ed il Birmano hanno geni molto diversi: i mitici guantini del Birmano sono infatti determinati da una coppia di geni recessivi. Il Guantaggio nella varietà Mitted del Ragdoll è invece determinato da un singolo gene dominante.


Andiamo per gradi!

Il modo piu' semplice per spiegare come si trasmettono le varietà è di osservare piu' da vicino il genotipo - o codice genetico - del Ragdoll.

Il disegno Colourpoint nel Ragdoll è dovuto ad un gene recessivo, il gene Cs o gene himalyano, lo stesso gene del Siamese e del Birmano. La lunghezza del pelo è determinata ancora da un gene recessivo, il gene l .

Infine la varietà Colourpoint non ha il gene dominante della pezzatura bianca, presente nella altre due varietà, il gene S ( da Spotting ), e dunque in sua assenza, il genotipo puo' essere scritto come ss ( notare le lettere minuscole ).

Così il genotipo del Colourpoint sarà: Cs Cs  ll  ss che si legge come un colourpoint a pelo lungo senza bianco.

La differenza chiave nelle altre due varietà Bicolore e Mitted è la presenza del gene dominante S, anche se esiste una differenza di tale gene nelle due varietà.

Parleremo di queste altre due varietà la prossima volta!

Differenze tra il Ragodll Mitted e il Birmano

Come si può notare sin da subito, una varietà di Ragdoll e precisamente la varietà Mitted (guantato) somiglia al gatto Sacro di Birmania.

La somiglianza è puramente apparente e non genetica! 

A guardar meglio infatti i due gatti sono molto diversi tra loro anche per morfologia e marking (la pezzatura bianca si chiama marking!)

Iniziamo dai geni. Le razze di gatti si distinguono tra loro per la diversità del loro patrimonio genetico, non per il loro aspetto. Ecco perchè a volte gatti che si somigliano appartengono a razze molto diverse. Questo è più frequente con i gatti a pelo corto!

 

Nel Ragdoll il guantaggio (nella varietà mitted, il bianco sulle zampe è detto guantaggio) è dovuto ad un SINGOLO GENE DOMINANTE. Esso è il gene White Spotting Mitted

( Sm)

 

Nel Birmano il guantaggio è dovuto ad una COPPIA DI GENEI RECESSIVI

IL DISEGNO:

I guanti anteriori sono uguali per le due razze.

I guanti posteriori:     Nel Ragdoll il bianco deve arrivare sopra il garretto e anche fino a metà coscia.

                                   Nel Birmano il bianco si ferma a metà zampa e forma un disegno a V.

 

Il Ragdoll deve avere una striscia bianca che parte dal mento e arriva sino alla base della coda coprendo tutto il petto e la pancia. 

Nel Birmano la striscia non esiste, la pancia è in tinta col corpo, non bianca.

Mento:            Nel Ragdoll deve essere bianco, pena la squalifica.

                        Nel Birmano deve essere colorato, pena la squalifica.

 

LA STRUTTURA: 

Il Ragdoll è di corpo più allungato, alto sulle zampe con coda lunga e attaccata alta. Le zampe posteriori sono più alte delle anteriori. La testa deve presentare un piano piatto fra le orecchie e non essere tonda. Occhi ovali. Orecchie piegate in avanti. Naso all'insù, mento forte.

Il Birmano ha zampe corte con corpo raccolto. Coda più corta e testa tonda. Gli occhi sono tondi. Naso romano ( gobbo). Orecchie dritte.

 

Le vacanze con il gatto rappresentano sicuramente l'occasione migliore per condividere momenti speciali con il nostro migliore amico: finalmente rilassati e liberi da impegni, possiamo godere a tempo pieno della sua preziosa compagnia.

Oggi sono tantissime le strutture alberghiere in grado di ospitare i nostri amici a quattro zampe: nella località preferita, quindi, basta scegliere quella più adatta al caso. Una volta stabilita la destinazione, non resta che organizzarsi per rendere il viaggio comodo e piacevole per entrambi.
A questo scopo sono sufficienti pochi ma fondamentali accorgimenti: se è vero, infatti, che il gatto è dotato di un grande spirito di adattamento, non bisogna comunque trascurare alcune circostanze che potrebbero costituire una fonte di disagio, compromettendo seriamente il suo equilibrio psicofisico. Il gatto è, per natura, un soggetto abitudinario che mal tollera le alterazioni della sua routine: occorre allora mettere in atto piccoli gesti per alleviare il cambiamento repentino di ambiente, l'impatto del mezzo di trasporto e le eventuali ripercussioni che lo sbalzo climatico potrebbe avere sul suo organismo.

Qualsiasi sia il mezzo di trasporto scelto per la trasferta, tieni sempre il tuo micio nel trasportino: oltre che per motivi di sicurezza, questa sistemazione servirà a farlo sentire protetto. Per mantenerlo fresco e pulito attrezzati con apposite salviettine detergenti e una buona quantità di traversine, che serviranno a rivestire il fondo del trasportino.

Evita di far mangiare il tuo peloso prima del viaggio; durante il percorso, inumidisci spesso il suo manto con acqua per scongiurare il rischio di disidratazione. Non dimenticare una buona scorta del suo solito cibo (crocchette e alimenti umidi), che potrebbe non essere reperibile nella vostra zona di villeggiatura. Per farlo sentire "a casa", aggiungi al bagaglio alcuni dei suoi giochini, il suo cuscino o la sua copertina preferita.

Prima di partire, portalo dal veterinario per una visita di controllo e gli eventuali vaccini aggiuntivi, soprattutto se ti rechi all'estero: alcuni paesi, infatti, potrebbero richiedere profilassi che in Italia non sono obbligatorie (come l'antirabbica). In caso di necessità, il veterinario potrà prescriverti alcuni trattamenti particolari, come una specifica tipologia di antiparassitario e i farmaci per il mal d'auto, di mare o di treno.

Qualsiasi sia la meta delle vostre vacanze, porta sempre con te i documenti del tuo micio: sul territorio italiano sarà sufficiente il solo libretto delle vaccinazioni aggiornato, mentre all'estero è necessario un apposito passaporto per gatto, da richiedere alla ASL di competenza.

 

allevamento ragdoll

Se stai cercando un gatto particolarmente adatto alla vita in appartamento, che sia allo stesso tempo un compagno dolcissimo per tutta la famiglia, la scelta migliore è sicuramente il Ragdoll.

Non a caso, infatti, il nome "Ragdoll" significa "bambola di pezza", una descrizione che riassume perfettamente l'essenza caratteriale di questo splendido micio. Altro appellativo del gatto Ragdoll è "cherubino", a motivo della sua straordinaria bellezza e del suo atteggiamento da "angelo custode".

Apparsa per la prima volta negli Anni Sessanta, questa razza fu creata da un'allevatrice statunitense incrociando una gatta d'angora con un gatto birmano. Attraverso ulteriori selezioni, l'allevatrice riuscì ad accentuare le caratteristiche di dolcezza e mansuetudine dei soggetti iniziali, ottenendo il Ragdoll che oggi conosciamo.

Eccezionalmente affettuoso e socievole, il Ragdoll ama trascorrere le sue giornate accanto al padrone e, soprattutto, essere preso in braccio. Ad una fisicità importante (è una delle razze di gatti più grandi al mondo), il gatto Ragdoll associa una sorprendente flessibilità, con la quale assume pose da vero "contorsionista". Uno dei suoi comportamenti più tipici consiste nell'abbandonarsi con totale fiducia fra le braccia dell'essere umano: questo aspetto richiede, da parte del proprietario, un'attenzione particolare. A differenza delle altre razze feline, infatti, il Ragdoll non sa rivoltarsi prontamente per cadere in piedi: è necessario, quindi, tenerlo molto saldamente per evitare che possa farsi male cadendo.

Altre caratteristiche particolari del Ragdoll sono lo scarso senso del pericolo e un'alta soglia del dolore: per scongiurare incidenti, quindi, è necessario sorvegliarlo costantemente, porre barriere protettive a balconi e finestre e togliere dalla sua portata oggetti e mobili potenzialmente nocivi. Dopo aver organizzato l'appartamento "a misura di micio", potrai goderti la sua meravigliosa compagnia in tutta tranquillità. E con il termine "meravigliosa" non si intende esagerare: il Ragdoll è davvero un compagno di incomparabile bontà, il cui principale obiettivo è stare accanto ai suoi umani e condividerne ogni aspetto della vita. La sua presenza e le sue coccole sono una fonte praticamente inesauribile: ciò rende questa razza ideale per la pet therapy, per gli anziani e per tutte le persone sole o con carenze affettive.

Un gatto con questo carattere, com'è logico, soffre la solitudine in modo quasi patologico: sceglilo quindi solo se prevedi di non lasciarlo mai solo in casa per molte ore al giorno. Allo stesso tempo, la sua indole delicata non ama rumore e confusione e si offende facilmente di fronte ad un rimprovero. Per la sua totale mancanza di aggressività, il Ragdoll è il gatto ideale per i bambini, che segue volentieri in tutti i giochi e le scorribande; per quanto accomodante e non aggressivo, però, il gatto Ragdoll resta sempre un felino e, in quanto tale, imprevedibile. Per questo è importante insegnare ai bimbi a non approfittare della sua pazienza e a relazionarsi con lui con il massimo rispetto.

 

svezzamento gatto

Quando i propri gatti mettono al mondo dei cuccioli è sempre una bellissima emozione, ma molte persone non hanno le idee ben chiare per quel che riguarda l'alimentazione dei gattini.

Per quanto tempo dovranno essere allattati dalla mamma? Dopo quanto si può passare ai cibi solidi? Che tipo di alimenti conviene proporre?

Cerchiamo di rispondere andando per gradi, considerando che l'alimentazione del gatto neonato varia da settimana in settimana.

Nei primi giorni di vita il gattino si alimenterà attraverso l'allattamento, e lo svezzamento deve iniziare a circa 4 settimane dalla nascita.

In tale lasso di tempo il gatto ha infatti vissuto quei cambiamenti fisici che gli consentono un livello di autonomia ben più elevato di quello della nascita: gli occhi sono aperti, le orecchie anche, e soprattutto l'animale inizia a stare in piedi sulle zampe, dunque ad utilizzare i suoi muscoli per potersi muovere.

Il passaggio dal latte materno al cibo solido non deve essere immediato: nei giorni in cui inizia ad effettuarsi lo svezzamento, infatti, è necessario utilizzare un buon sostituto del latte materno, affinché il cucciolo si abitui gradualmente a questo nuovo modo di alimentarsi.

É molto importante utilizzare un latte specifico e non il comune latte di mucca: i felini infatti hanno grosse difficoltà nel digerire quest'ultima tipologia di latte, soprattutto laddove si tratti di esemplari nati da solo pochi giorni.

Sicuramente è un passaggio piuttosto delicato quello in cui il gattino deve passare dall'azione di succhiare dalla mammella a quella di nutrirsi da una ciotola: è bene che il gattino venga abituato con tutta la cautela del caso ed evitando in modo assoluto le forzature, come ad esempio l'azione di avvicinare la sua testa alla ciotola.

A distanza di circa 8 o 10 settimane, quando il gattino si regge bene in piedi e ha imparato ad alimentarsi autonomamente dalla ciotola, il sostituto del latte può essere rimpiazzato dal cibo vero e proprio.

In questa fase è molto importante impiegare dei mangimi di qualità: il macronutriente più prezioso per i gatti di quest'età corrisponde sicuramente alle proteine, quindi l'ideale è utilizzare mangimi a base di carne o altri ingredienti proteici.

In commercio sono disponibili diversi mangimi specifici per i cuccioli, e optando per dei prodotti proposti da brand rinomati è sicuramente possibile offrire la miglior nutrizione possibile ai propri gattini.

 

gatto Ragdoll carattere

Il Ragdoll è un gatto mite, affettuoso ed estremamente dipendente. Molto attaccato alla sua famiglia, il Ragdoll non ha alcun problema a viaggiare purché il suo padrone sia con lui.

Questi gatti adorano stare in braccio come i bambini, a pancia in su. Il loro carattere tranquillo li fa andare d’accordo con tutti, anche con gli altri animali domestici, persino criceti e uccellini! Il Ragdoll è un gatto partecipativo ma mai invadente. Adora la vita di famiglia e non si attacca a una persona in particolare, ma è felice di stare con tutti i membri della famiglia. E’ giocherellone e possiede attitudine all'addestramento.

Quando il padrone rientra a casa il Ragdoll lo accoglie festoso e lo segue devoto di stanza in stanza. Non occorre una casa grande per farlo felice. E’ un gatto che ha bisogno delle persone e non di grandi spazi. Un Ragdoll sta benissimo anche in un appartamento di due stanze! La cosa importante è che abbia compagnia. Gli piace seguire il padrone e stargli accanto in tutte le sue attività.

E’ curioso ma sempre molto delicato nei movimenti e raramente rompe oggetti in casa. Potete tenere anche tappeti di valore con questi gatti in casa perché si fanno poco le unghie in generale e non rovinano tappezzerie, tende e tappeti. Ovviamente dovrete comprare al gatto un tiragraffi apposito per lui. gattini imparano da subito ad usare il tiragraffi e lo preferiscono a qualunque altro oggetto. Di solito escono dall'allevamento che lo sanno usare benissimo e quando arrivano a casa del nuovo proprietario lo utilizzano automaticamente! Seguite le indicazioni dell’allevatore sul tipo di tiragraffi da acquistare. Sono gatti sensibili e dolcissimi. Non urlate o alzate troppo la voce con un Ragdoll. Capisce subito cosa si desidera da lui ed è un gatto molto ubbidiente. E’ felice di far contento il suo padrone! 

 

allevamento ragdoll

Sono diverse le malattie che possono interessare i gatti, scopriamo subito dunque quali sono le più diffuse.

Questi animali domestici sono interessati con frequenza da malattie parassitarie, come ad esempio quelle legate all'indesiderata presenza di pulci e di zecche, e per quel che riguarda tali patologie può rappresentare un campanello d'allarme il fatto che l'esemplare si gratti molto frequentemente e manifestando un eccessivo fastidio.

Altri sintomi tipici sono la spossatezza, l'inappetenza, la perdita di peso, e per contrastare queste malattie è utile adoperare collari antiparassitari, shampoo specifici o prodotti in gocce da applicare sul pelo.

Le malattie della pelle possono presentare peculiarità disparate, dunque le loro cure possono presentare caratteristiche molto diverse; tra queste è possibile ricordare la tricofizia, la rogna, l'acne felina e vari tipi di dermatiti.

Anche le malattie cardiache sono variegate, di conseguenza è difficile sostituirsi al parere di un veterinario sia per quel che riguarda la descrizione dei sintomi che delle relative cure; tra queste malattie possiamo menzionare la cardiomiopatia ipertrofica, la cardiomiopatia dilatativa, la cardiomiopatia aritmogena, la cardiomiopatia restrittiva.

Alcune patologie possono riguardare l'orecchio del gatto, e in questi casi sono assolutamente da evitare soluzioni "fai da te", come ad esempio tentare di pulire l'orecchio dell'animale con un bastoncino di cotone. Condizioni simili possono essere dovute alla presenza di corpi estranei, a delle lesioni, frequenti soprattutto nel caso in cui l'esemplare sia stato aggredito da un suo simile, ad acariasi o ad altri stati patologici. Anche in questi casi, laddove si dovessero notare degli strani comportamenti nel proprio gatto è fondamentale affidarlo subito a un veterinario.

Per quel che riguarda le malattie degli occhi possiamo menzionare subito la congiuntivite, la quale si manifesta in modo piuttosto evidente e può essere contrastata utilizzando dei colliri specifici per gatti, anche il glaucoma è una patologia frequente, e si manifesta in genere con un arrossamento degli occhi o con la dilatazione della pupilla.

Sono numerose le malattie infettive, ognuna delle quali presenta dei sintomi specifici e richiede dunque delle cure ad hoc. Tra queste si possono menzionare la panleucopenia, la leucemia felina, l'immunodeficienza felina, la clamidiosi, la rabbia.

Per quel che riguarda gli esemplari femmina è una patologia piuttosto seria il tumore alla mammella, la piometra e la metrite riguardano invece l'utero.

Parallelamente alle patologie propriamente intese, c'è da sottolineare che un gatto può essere interessato anche da intolleranze alimentari e allergie, sia di natura alimentare che non. 

 

Alimentazione del gatto Ragdoll

Anche nel caso di alimentazione confezionata, durante la crescita o nelle fasi di stress nella vita del Ragdoll, come gravidanza, allattamento o malattia, è bene dare un integratore di vitamine due o tre volte alla settimana.

Un’ altra cosa da tener presente è la somministrazione di erba gatta o, nel caso al gatto non piacesse, di un olio o di un prodotto apposito che rimuova il pelo che si accumula nello stomaco. È importante infatti impedire che il troppo pelo porti il gatto a un blocco intestinale o semplicemente a vomitare oltre il necessario. In commercio esistono molti prodotti ottimi allo scopo ma si potrà anche supplire con un cucchiaio di olio due volte alla settimana.

Non a tutti i Ragdoll infatti piace masticare l’erba gatta che li aiuta in questa funzione!

 

 
Un’altra cosa importante è che il Ragdoll si abitui a mangiare i croccantini. 

Essi possono non essere l’unico alimento delle sua dieta ma non possono nemmeno essere assenti. Questo cibo è molto proteico e dunque indispensabile nella fase della crescita del cucciolo ma altrettanto importante nella età adulta perché aiuta la rimozione del tartaro dai denti

Infatti l’uso costante dei croccantini giusti potrà allungare di molto i tempi tra una detartarasi e l‘altra dal veterinario, cosa tra l’altro indispensabile almeno una volta ogni due – tre anni.

Nel caso di patologie specifiche poi, esistono poi in commercio degli appositi tipi di cibo sia secco che umido che aiutano l’animale a curarsi mangiando, diminuendo così l’impiego di farmaci e allontanando il pericolo di una ricaduta della malattia. Speriamo che non debba essere mai necessario ma, se lo fosse, chiedete al veterinario di consigliarvi il cibo più adatto alle condizioni di salute del vostro Ragdoll. 

Esistono prodotti per problemi renali, urinari, per condizioni di grave stato di debilitazione, problemi di pelle o intestinali.

 

NUMERO DEI PASTI AL GIORNO:

Per il gattino: croccantini sempre a disposizione. Una o due scatolette al giorno per cuccioli.       

Per l'adulto: 2- 3 pasti al giorno                      

 

QUANTITÀ

Per il gattino: lasciate che si regoli da solo. Il cucciolo deve crescere e perciò deve magiare quanto si sente di farlo. Fino all’anno di età non è il caso di porre limiti alle quantità di cibo.

Per l’adulto: la quantità dipende dal tipo di alimento scelto. Consultate le tabelle sulle confezioni del cibo a datene sempre un pochino di piu’a meno che il cibo scelto non sia specifico per Ragdoll o per gatti di taglia grande.

 

Ricordate anche al vostro veterinario che i Ragdoll hanno la cosiddetta “fatty pad”. Ossia  un cuscinetto molle sotto l’addome. Essa non è da considerarsi grasso come invece si potrebbe dire per un altro gatto ma ci DEVE essere. È del tutto normale. I Ragdoll ci nascono!

Troppo volte ho sentito proprietari allarmati, spesso dai propri veterinari, su questa caratteristica!

Non ce né motivo. Anzi. Alcune nuove linee di sangue hanno perso la fatty pad e questo è un gran peccato poiché qualità peculiare della razza!

I Ragdoll inoltre sono gatti grossi e robusti dunque, per avere delle linee guida eccovi il peso che dovrebbe avere il vostro Ragdoll senza che dobbiate preoccuparvi.

In età adulta, ossia oltre i tre – quattro anni i maschi pesano trai 5 ad i 9 Kg. Le oscillazioni dipendono dalla linea di sangue, dalle condizioni degli animali da fatto che siano in riproduzione o meno.

Le femmine invece dovrebbero pesare dai 4 ai 6 Kg. Lo stesso discorso vale per loro.

 

 

Alimentazione del gatto RagdollQuando il gatto è adulto, ossia dopo l’anno di età, si sostituiranno i prodotti per cuccioli con quelli per adulti o si potrà, se lo si desidera, diminuire un poco l’alimentazione confezionata a favore dei pasti freschi.



Eccovi qualche avvertimento in proposito.





CARNE
Rosse o bianche le carni vanno sempre cotte. Niente carne di maiale.

 

PESCE
Sempre pulito, cotto e... attenzione alle spine!

 

UOVA
Il tuorlo può essere somministrato anche crudo (a condizione che l'uovo sia freschissimo). L'uovo intero invece va sempre cotto. L'albume crudo non deve mai essere dato al gatto. In genere, le uova non devono superare il numero di due a settimana (anche meno).

 

LATTE
Può essere dato al gatto, e al gattino, se lo tollera. Va immediatamente sospeso se dovessero comparire disturbi intestinali.

 

FORMAGGI
Per il cucciolo i formaggini per bambini sono adatti. Anche al gatto adulto possono essere dati senza problemi. I formaggi molto stagionati vanno evitati. Per i formaggi vale quanto detto riguardo al latte: controllate che il vostro gatto li digerisca bene.

 

PASTA E RISO
Se il gatto li gradisce, possono essere dati saltuariamente. Non possono in nessun modo costituire l'alimento principale di un gatto.

 

VERDURE
Se il gatto le gradisce, e le digerisce, si possono dare qualche volta. Zucchine, carote e patate bollite spesso sono apprezzate dal gatto così come i legumi tipo piselli. Se al gatto non piacciono si potrà provare a farne una poltiglia ed a mischiarle alla carne o alla scatoletta, ma in piccole quantità. Il gatto e’ un carnivoro puro e NON ha bisogno di verdure.

 

SONO ASSOLUTAMENTE VIETATI
Zucchero, spezie, dolci di ogni tipo , insaccati, carne di maiale, albume crudo.

 

 

come educare un gatto alla lettiera

L'educazione all'uso della lettiera è una delle prime necessità di chi adotta un gatto.
Contrariamente a quanto si pensi, però, utilizzare la lettiera igienica non è un gesto così immediato e automatico da parte del gattino: nonostante la sua naturale propensione a seppellire le proprie deiezioni in un substrato morbido come la sabbia o la terra, il gatto necessita di un po' di tempo e di qualche accorgimento per imparare il corretto uso della lettiera.

Il compito è di gran lunga più facile se il micetto, in questo senso, è già stato instradato dalla madre: durante le prime settimane di vita, infatti, i felini imparano molto imitando i gatti adulti. Nel caso quindi in cui la madre sia una gatta domestica, il piccolo sarà avvantaggiato perchè avrà già appreso da lei come utilizzare la lettiera.

In caso contrario, si procederà a sollecitare nel nuovo arrivato la naturale tendenza a sporcare su un terreno morbido. Al suo primo ingresso in casa, mostra al tuo gattino la lettiera e gratta delicatamente la superficie della sabbietta, imitando il tipico movimento dei gatti: se il piccolo coglie il suggerimento e fa i suoi bisogni nel posto giusto, lodalo. Se invece si ostina a sporcare fuori dalla lettiera, una reazione aggressiva da parte tua potrà solo risultare controproducente. Sgridarlo, infatti, sortirebbe il solo effetto di spaventarlo e stressarlo, mentre mettergli il muso nei suoi bisogni lo convincerebbe che quello è il posto giusto dove "farla".

Quindi, come educare un gatto alla lettiera? Non appena si nota che il piccolo è in procinto di farla nell'angolino sbagliato, l'unica mossa giusta consiste nel prenderlo e portarlo immediatamente in lettiera. Se invece il danno è già fatto, non insistere: a quel punto non puoi più far capire al micio che ha sbagliato. Dal momento che i felini sono soliti liberarsi dopo aver corso o giocato, puoi portare alcuni giochini nella stanza dove è posizionata la cassetta e far giocare il tuo micio lì vicino finchè non sente il bisogno di liberarsi: a quel punto potrai spingerlo più facilmente a fare i suoi bisogni in lettiera.

Quando il gatto sporca fuori dalla cassettina è fondamentale pulire immediatamente e in modo scrupoloso affinchè non resti alcun odore: la permanenza di eventuali tracce, infatti, potrebbe risultare attrattiva e portare il gatto a rifare i bisogni in quel punto. Colloca la sua cassettina in un luogo appartato, lontano dai punti più frequentati della casa: evita quindi le zone di passaggio come l'ingresso e il corridoio, ma allo stesso tempo fai in modo che la posizione non sia troppo lontana dalla sua cuccia. Evita di mettere le ciotole del cibo in prossimità della lettiera: essendo un animale molto pulito, il gatto non accetta di buon grado di mangiare vicino alla toilette, nè di sporcare troppo vicino alla sua zona pranzo.
La proverbiale pulizia del gatto è una delle condizioni che maggiormente incidono sulla sua decisione di usare la lettiera: perciò tieni sempre la sabbia scrupolosamente pulita, asportando quotidianamente le deiezioni e procedendo al lavaggio della cassettina e al cambio totale della lettiera una volta alla settimana.

Per rendergli l'utilizzo della cassettina ancor più gradito ed evitare che perda l'abitudine una volta acquisita, individua le sue preferenze in fatto di lettiera: alcuni gatti, ad esempio, non amano le lettiere profumate, altri si trovano a disagio con i granuli troppo grossi.

Anche la cassettina ha la sua importanza: può accadere che il gatto la preferisca scoperta, o che al contrario esiga la privacy di una toilette coperta. In quest'ultimo caso, potrebbe capitare che la porta basculante gli dia fastidio o che lo spaventi: dovrai quindi toglierla. Se hai adottato due o più gatti, l'ideale è assegnare a ciascuno la propria cassettina; tuttavia, nel caso in cui lo spazio non lo consenta, una cassetta grande può essere tranquillamente utilizzata da due mici.

l'alimentazione del gatto Ragdoll

È bene abituare il Ragdoll ad una alimentazione più varia possibile dato che i gatti, in generale, tendono a fare gli schizzinosi a lungo andare o a fissarsi solo su di un cibo.

Sicuramente è più facile se si inizia col cucciolo giovane.

Esistono al giorno d’oggi dei prodotti secchi e in scatola studiati appositamente per le varie fasi della vita del gatto che sono ottimi ed assolutamente consigliabili. 

La regola generale quando portate a casa il cucciolo è di chiedere all’allevatore cosa ha mangiato il piccolo sino a quel momento per proseguire la dieta e cambiarla poi, in maniera graduale se necessario.

Infatti, un cambio repentino dell’alimentazione del gattino potrebbe causargli dei problemi intestinali ed è perciò assolutamente da evitare.

Usate delle ciotole di ceramica od acciaio ed evitate quelle di plastica perché possono creare allergie e dermatiti al mento.

Mettete le ciotole sempre nello stesso posto, lontane dalla lettiera e in un posto tranquillo. Vi occorreranno due ciotole , una per l’acqua ed una per il cibo secco ed un piatto piano per il cibo umido.

I pasti del cucciolo dovrebbero essere almeno quattro nel corso di una giornata. Un’ altra cosa che si può fare è lasciare del cibo secco per cuccioli, a disposizione per mezza giornata.

L’altra metà giornata è meglio togliere i croccantini affinché il piccolo mangi anche scatolette o cibo fresco cucinato per lui.

Nel complesso l’alimentazione del gattino deve essere basata per lo più su alimenti confezionati prodotti appositamente per lui e di marche ad alta qualità. Gli si potrà offrire cibo fresco, sempre cotto, tre o quattro volte alla settimana per abituarlo ad esso.

Se si dovesse scegliere una dieta a base di solo cibo fresco cucinato in casa, parlatene col veterinario affinché vi dia un apposito integratore da dare al gattino affinché non cada in squilibri alimentari o carenze di qualche  tipo.

malattie gattoUn gatto, come qualunque essere vivente, può purtroppo ammalarsi, alcune malattie del gatto sono però più frequenti, ecco perché è bene imparare a prevenirle e a riconoscerne i sintomi al fine di portarlo subito dal veterinario.

Per alcune patologie fortunatamente vi sono dei vaccini, ad esempio è molto frequente nel gatto la panleucopenia o gastroenterite virale, caratterizzata da vomito, diarrea, febbre e inappetenza del gatto, per prevenirla però basta il vaccino. La vaccinazione è disponibile anche per la leucemia felina una malattia virale molto contagiosa che proprio per questo richiede un piano vaccinale in modo che possano essere protetti anche gli altri animali che entrano a contatto con il gatto.

Molto diffusa tra le malattie del gatto è anche la rabbia che si può trasmettere tramite saliva o con una morso. Si sospetta il contagio nel caso in cui il gatto all'improvviso diventa aggressivo, ha pupille dilatate, difficoltà respiratorie e unghie sempre sfoderate. Il vaccino è altamente consigliato perché il gatto è per natura predatore e quindi potrebbe entrare in contatto con il virus e sfortunatamente non vi è cura.

Il vaccino è disponibile anche per la clamidiosi, una patologia che può colpire le vie respiratorie, ma anche l'apparato digerente e genitale, inoltre può colpire la placenta. Fortunatamente per la clamidiosi, se presa in tempo, è possibile avere una cura a base di antibiotico, colliri e pomate. Si sospetta una clamidiosi nel caso in cui il gatto manifesti congiuntivite e lacrimazione agli occhi.

Frequente è anche il caso in cui il gatto viene colpito da rinotracheite, o semplicemente l'influenza del gatto. Questa si manifesta con starnuti, abbondante muco e pus, febbre e difficoltà respiratorie. Se il gatto presenta questi sintomi è bene portarlo subito dal veterinario per una corretta diagnosi e per il piano terapeutico. Deve essere sottolineato che anche in questo caso è possibile fare prevenzione attraverso un vaccino.

Purtroppo la vaccinazione non è disponibile per un'altra malattia molto frequente nel gatto, cioè la toxoplasmosi, avverso la quale vengono solitamente messe in guardia anche le donne in gravidanza. La prevenzione può essere fatta attraverso il controllo del cibo, infatti, nella maggior parte dei casi il contagio avviene attraverso l'ingestione di carne cruda, come topi o altre prede trovate in giardino. È bene prestare attenzione nel caso in cui il gatto inizi a rifiutare il cibo e presenti un vistoso dimagrimento, inoltre ha convulsioni. La patologia porta con sé anche polmonite ed epatite. La corretta diagnosi può essere eseguita solo con le analisi del sangue, ecco perché è bene recarsi dal veterinario di fiducia, anche perché se presa in tempo la toxoplasmosi non è letale.

insufficienza renale del gatto

L'insufficienza renale del gatto è una delle patologie più frequenti nei felini anziani. Nonostante il rischio aumenti a partire dai 6 anni, in realtà può manifestarsi nel peloso amico a quattro zampe a qualsiasi età, interessando entrambi i sessi. Sono molte le cause e i sintomi associati all'insufficienza renale, tanto da rendere difficoltosa l'individuazione di questo problema renale. Deve anche essere rimarcato il fatto che alcuni segni premonitori tendono a comparire diversi anni prima che la patologia appaia evidente. 

Per questo motivo è importante che i proprietari si rivelino dei buoni "osservatori", agendo al più presto nel caso in cui il gatto assuma degli atteggiamenti sospetti e inediti. In questo caso, infatti, la prevenzione è fondamentale. Non restare con le mani in mano nelle fasi iniziali significa ritardare e persino scongiurare la comparsa dei sintomi più gravi. 

Tra i fattori scatenanti rientrano l'eccessivo stress, un'alimentazione troppo ricca di sali e intossicazioni. Normalmente, il micio inizia a perdere peso velocemente (in alcuni casi rifiutando il cibo), evidenziando anche una minore tonicità a livello muscolare. L'animale, per natura restio a bere, deve insospettire il padrone anche se assume elevate quantità di acqua (si tratta di un evento noto come polidipsia), rimanendo nei pressi della ciotola anche dopo aver bevuto in attesa di altra acqua fresca. In diversi casi i gatti colpiti da tale patologia tendono ad immergere le zampe nella ciotola, per poi provare a scavare. Questa prima fase viene normalmente seguita da una seconda, più allarmante, nella quale il gatto può smettere di bere, portando ad un deterioramento del suo stato di salute. Altri fattori che dovrebbero far preoccupare sono la presenza di ulcere in bocca e il fatto che il gatto emani cattivo odore. In mancanza di un intervento competente il rischio è di veder peggiorare rapidamente la situazione, arrivando a ripetuti fenomeni di vomito e disidratazione. Giungere a questo punto significherebbe vedere la vita del felino a rischio. Una terapia adeguata, controllata costantemente dal veterinario, affiancata da una dieta (solitamente vengono somministrate crocchette a basso contenuto di fosforo e proteine), eviterà alla patologia di compromettere irrimediabilmente la salute dell'animale. 

La terapia veterinaria prevede inizialmente una verifica del livello di idratazione del micio. Se viene evidenziata una disidratazione, l'impiego di flebo si rivela molto utile. Il veterinario, attraverso un esame opportuno, ha la possibilità di monitorare le funzionalità renali del gatto. L'esito non individua solamente un'insufficienza renale in atto, ma anche una sua apparizione nell'immediato futuro. Questa malattia renale, infatti, porta i livelli di creatinina e di azoto ureico, rilevabili dall'esame, ad aumentare.

L’alimentazione del gatto Ragdoll, un pacioso felino nelle nostre case

Chiunque abbia un gatto sa che il nostro amico a quattro zampe è un onnivoro, mangia di fatto quasi tutto, ed ha, esattamente come noi bipedi, delle preferenze. Tuttavia il gatto nasce come un animale carnivoro con particolare attenzione verso topi, uccelli, serpenti, e gli insetti che ne stimolano la caccia (come ad esempio grilli e cavallette). La sua evoluzione da stato selvatico a stato domestico non ha solo modificato la sua alimentazione, ma anche la sua conformazione: infatti il suo intestino, nel corso dei secoli, si è allungato.

Nonostante il suo essere carnivoro, oggi una dieta basata esclusivamente sulla carne sarebbe nociva poiché muovendosi meno, rispetto al gatto selvatico, non ha la possibilità di smaltire le tossine della digestione che potrebbero portare a vari disturbi, tra cui gastriti ed eczemi.

Con lo spopolare della dieta vegetariana per gli uomini, si sta diffondendo la tendenza ad imporre tale dieta anche ai felini, credendo di fare una scelta corretta per la loro salute. Purtroppo ciò non è vero: infatti le proteine, durante la digestione scomposte in aminoacidi e glucosio, sono la principale fonte d'energia dei gatti. Al felino moderno serve, quindi, un'alimentazione mista, che preveda l'assenza di ossa appuntite (come ad esempio quelle di pollo) e una buona dose di carne cotta (soprattutto se di maiale). Sono molto ghiotti soprattutto di insaccati ma, a causa delle loro spezie e del sale in essi contenuti, hanno difficoltà nella digestione: è quindi opportuno monitorare e limitarne l'assunzione. Molto graditi sono anche fegato, polmone, cuore e trippa; tuttavia bisogna stare attenti poiché il fegato, ricco di proteine e vitamine, può anche avere effetti lassativi e sarebbe meglio somministrarlo solo una volta a settimana.

I gatti, e chi li ha lo sa, tendono a masticare poco, giusto il minimo indispensabile, per questo qualsiasi alimento gli diate è importante che sia tagliato a pezzetti, in modo tale da "costringerlo" a masticare, favorendo il rinforzare delle gengive e la pulizia dei denti. 

Chi ha la fortuna di avere un gatto (o più di uno) e un giardino, è sicuramente rimasto affascinato dall'agilità dell'animale durante la caccia, e magari si è anche chiesto che fine avesse fatto al preda catturata. Per i gatti di casa, come per i randagi, la risposta è semplice: se la sono mangiata, solo che i primi ci hanno giocato un po' prima di leccarsi i baffi! Cancellate dalla vostra mente la pia illusione che "niente tracce" vuol dire niente vittima, la preda c'è stata ed è stata completamente mangiata dal vostro amico; si perché non solo sono un pasto equilibrato e ricco di vitamine, ma avendo consistenze diverse (il pelo, le piume, le ossa, gli artigli o il becco) vuol dire varietà nel masticare e più soddisfazione del nostro micio!

cuccioli di Ragdoll disponibiliState pensando di acquistare un gatto? Perché non un Ragdoll? Se amate un amico a quattro zampe docile, calmo, coccolone, pulito e, soprattutto, capace di dare amore, il Ragdoll è proprio il gatto che fa per voi.

Nuovi cuccioli di Ragdoll dell’allevamento Silmarillions attendono d'essere adottati. E' difficile non innamorarsi degli occhi blu, profondi e misteriosi di questi teneri animali, capaci di diventare vere e proprie bambole di pezza una volta presi in braccio. Il termine Ragdoll, infatti, indica proprio la mansuetudine e la dolcezza di questi gatti sognatori, che stabiliscono immediatamente con i loro amici umani un rapporto anche di fiducia immensa. Si adatta benissimo alle abitudini di casa del padrone, gli è estremamente obbediente, quasi come se non volesse in alcun modo farlo dispiacere. E' pacifico, ciò vuol dire che sopporta la presenza anche di altri gatti, condividendo, senza arrabbiarsi, anche la ciotola.

D'origine nord americana, questa specie così particolare creata dall'allevatrice californiana Anne Backer, è stata riconosciuta in modo ufficiale dalla Fif, solamente nel 1992. Le sue caratteristiche rendono questi simpatici gatti davvero unici. E' difficile non innamorarsi del loro manto lungo o semi lungo a seconda delle varietà, dello sguardo dolcissimo ed ancora del cranio ampio, delle guanciotte paffutelle e delle zampe muscolose. Molto gettonato è, ad esempio, il Mitted, che presenta di solito una striscia di colore bianco che partendo dal mento giunge fino alla base della coda riuscendo a coprire anche la pancia. Può capitare anche di trovare una fiamma bianca sul naso oppure tra gli occhi. Il Colourpoint, invece, ha il muso, le orecchie, la coda ed anche le zampe colorate in modo davvero intenso, mentre il corpo è molto più chiaro. Una particolarità di questa variante di Ragdoll è la totale assenza di assenza di macchie bianche.

Tra i nuovi cuccioli Ragdoll dell’allevamento Silmarillions figurano la femminuccia Blue Mitted, il maschietto Blue Colorpoint, figli di Kiki ed Edison, nati il 18 agosto scorso. Ed ancora un Blue Lynx Point, una Seal Bicolore e un Blue Lynx Point, nati circa un mese fa da Pulce e Nathan.

cuccioli Ragdoll disponibili

L’estate del 2017 ci ha portato un regalo ormai davvero inaspettato.

Ember light, una femmina Blue bicolore nata a Marzo del 2015 ha finalmente avuto i cuccioli! Cosa c’è di strano? Tutto in effetti. Nella mia lunga esperienza di allevatrice, oltre 25 anni ormai, non mi è mai capitato che una gatta che ha difficoltà a riprodursi agli inizi, ci riesca a oltre due anni!

Ember è una gattona, grossa e deliziosa. Un carattere adorabile e dolcissimo. Ultra socievole e con una vocetta lieve sempre in cerca di attenzioni. E’ una della gatte di mia figlia, essendo cosi tenera. Viene dall’allevamento di una mia amica ed è figlia di una mia gatta, Sweet Cloud. Ho preso Ember nel 2015 ma, raggiunto il suo primo anno nel 2016 è apparso subito chiaro che c’era qualche problema. I suoi calori erano deboli, quasi silenti. La sua grossa corporatura non la aiutava nel tenere la posizione per la monta. E ancora peggio…i maschi la evitavano per lo più. Avendo altre gatte a disposizione non erano tanto portati ad impegnarsi con una gatta cosi difficile! Sono pur sempre maschi ragdoll… ossia  essenzialmente pigri!

Cosi è passato tutto il 2016 ed è arrivato il secondo compleanno di Ember a Marzo 2017. Niente cuccioli. I maschi non la volevano. Anche quando facevano qualche tentativo, lei non teneva la posizione giusta. Un disastro. Cosi ho detto a mia figlia che avremmo dovuto trovare un’altra famiglia a cui dare Ember. Noi siamo un allevamento e non possiamo permetterci di tenere tutti i gatti, specie quelli giovani che non riproducono. Anche mia figlia ha capito e acconsentito ed abbiamo iniziato a cercare una famiglia adatta. Poi e’ arrivato Giugno e Luglio e l’estate. Siamo stati impegnati in altro. Verso fine Luglio un bel giorno, guardo bene Ember e mi sembra veramente diversa. Troppo grassa, anche per lei. E’ sempre stata una gatta molto corpulenta ma era decisamente ingrassata troppo! La giro e la visito. Era incinta! Incredibile!! E anche in stato di gravidanza avanzata!!! 

Il 6 Agosto, Ember ha dato alla luce 3 cuccioli, Blue mitted. Tutti maschietti! E’ stata bravissima. Ha fatto tutto da sola, senza bisogno di alcun aiuto.

E’ una mamma adorabile e attenta e finalmente…molto contenta!

gatto Ragdoll

Negli ultimi anni, la compagnia di un animale domestico viene raccomandata sempre più spesso agli anziani per i suoi straordinari benefici: l'affetto incondizionato di un cane o di un gatto, infatti, si rivela un aiuto prezioso per combattere la solitudine, la depressione e il senso di abbandono che spesso affliggono le persone nella terza età.

Tra le razze feline da compagnia più indicate, a questo proposito, il gatto Ragdoll occupa sicuramente un posto di primo piano.
Il Ragdoll è un gatto massiccio, caratterizzato da uno splendido manto semilungo e da grandi occhi azzurri perennemente atteggiati ad uno sguardo "sognante": la razza, selezionata negli anni Sessanta da un'allevatrice californiana, si distingue per un carattere particolarmente dolce, tranquillo ed amorevole. Amante della compagnia e delle coccole, il Ragdoll offre all'essere umano un affetto incondizionato: lo stesso nome della razza ( letteralmente "bambola di pezza") trae origine dal suo particolare atteggiamento "arrendevole" fra le braccia del proprietario, una caratteristica che la differenzia dal resto della popolazione felina.

Silenzioso e discreto, il Ragdoll rifugge il rumore, la confusione e i comportamenti aggressivi: queste sue peculiarità lo rendono perfettamente compatibile con la vita di una persona anziana, generalmente scandita da ritmi regolari e tranquilli. Per il suo continuo bisogno di contatto fisico, questo gatto soffre molto quando viene lasciato solo ed è disposto a seguire il "suo" umano ovunque e in qualsiasi situazione: l'allevamento di un Ragdoll non è quindi la scelta più adatta a chi passa l'intera giornata fuori casa, mentre è ideale per le persone sole, molto sensibili o comunque destinate a trascorrere la maggior parte del proprio tempo fra le mura domestiche.

Con il suo proprietario, il Ragdoll non si accontenta di instaurare una semplice amicizia: questo gatto, infatti, necessita di un rapporto esclusivo, molto stretto, quasi di "interdipendenza", fatto di continua vicinanza e di tante, tantissime coccole. Nonostante il temperamento dolce e remissivo, il Ragdoll è dotato di un'intelligenza pronta e vivace ed è un vero giocherellone: può sviluppare quindi un ottimo legame con i bambini a condizione, però, che questi ultimi siano capaci di rispettare la sua estrema gentilezza. Ma è con gli anziani che questo gatto può esprimere appieno tutte le sue doti: delicato, affettuoso e fortemente empatico, il Ragdoll è in grado di colmare i vuoti affettivi offrendo alla persona anziana una docile presenza sulla quale riversare il proprio bisogno di amare e di essere amata.

cuccioli ragdoll

E’ arrivata l’estate 2017! E Anche qui a Rocca Priora. Nonostante siamo in montagna, comincia davvero a fare caldo…

Le femmine sono tutte in calore e, coi loro  maigolii acuti rompono spesso la pace e la tranquillità dei prati e dei boschi che circondano la nostra casa. Bisogno che stiano calme ancora per un pò prima che possano accoppiarsi e dunque…ci godiamo, nostro malgrado, questi continui concerti!

Anche i maschi urlano e miagolano dalle loro stanze, perchè sono separati dalle femmine e si affacciano alle finestre dove il cane, da lontano, li guarda stupito e un tantino incuriosito.

Fa caldo in questo Giugno insolito. E dunque i maschi con più pelliccia, Nathan e suo figlio Biscotto, abbiamo deciso di tosarli per dar loro un po' di sollievo.

Ci abbiamo messo una mattinata intera per tosarli armati di forbici, pettini e tosatrice ovviamente.

Sono stati bravissimi e molto collaborativi e adesso possono sfoggiare un taglio estivo davvero niente male! Nathan mostra la sua linea e il corpo muscoloso. Lo trovo molto più bello col pelo corto che col pelo lungo!

Biscotto invece, sterilizzato e un po’ in sovrappeso sembra più magro ed è morbidissimo…come se fosse fatto di velluto! Una vera palletta setosa!

Le femmine il pelo lo hanno perso quasi tutto e sono magre e spelacchiate. Irriconoscibili rispetto al loro normale aspetto invernale!

Ma ad ottobre…come per magia torneranno tutti grossi e super pelosi! E…avremo di certo altri cuccioli in giro!

Silmarilions Neve

Neve è una gattina blue mitted, molto dolce e compita. Figlia di Luna, a cui somiglia come una goccia d’acqua compresa la vocetta sottile e delicata. 
Luna, a sua volta figlia di Rivendel, figlia di Buffy, figlia di Ghibli. Chi è Ghibli? Una delle mie prime gatte importate dagli USA nel lontano 1993. 

Dunque Neve è tutto ciò che rimane ad oggi della linea di sangue di Ghibli. Linea gloriosa in verità dato che i suoi cuccioli furono esportati in mezza Europa negli anni 90. Oramai sembra un’altra vita… 
Neve ha due anni ormai ed è stata sfortunata con le sue gravidanze fino ad oggi. Infatti ha perso tutti i cuccioli la sua prima volta e poi non ne ha avuti altri.
Adesso aspetta una cucciolata da Edison e stiamo sperando che vada tutto bene. Si è infatti depressa molto per la perdita dei suoi piccoli! 

Neve ha un marking bianco perfetto, occhi di colore medio e una ottima struttura. E’ decisamente una buona forchetta dato che sta sempre a mangiare! Bisogna tenerla a dieta di tanto in tanto, come il suo fratello da parte di padre Biscotto.
E’ tranquilla e socievole e va d’accordo con tutti gli altri gatti. Con le persone e’ a volte un po’ timida con gli estranei. In generale si tratta di una bella gattona…un batuffolo di pelo un po’ in sovrappeso!

cuccioli ragdoll disponibiliDopo la pausa autunnale ecco che siamo a Febbraio e, come di consueto, cominciano a nascere i primi gattini dell’anno.

Quest’anno abbiamo una novita’: i primi cuccioli del nuovo maschietto Edison!

Romeo, il nostro vecchio maschio tigrato e’ andato in pensione e vive felicemente con degli amici da gatto sterilizzato. Il suo posto e’ stato preso da Edison, nipote del nostro Calcifer e discendente diretto del gatto fondatore: Jaggernaut.

Le prime cucciolate sono nate il 3 e il 4 di Febbraio e cosi via, stanno nascendo una dopo l’altra. 

La cosa che colpisce subito è la grande maggioranza di cuccioli maschi. E’ incredibile! Sono quasi tutti maschi! Tigrati, blue, seal, bicolori, mitted e colorpoint…di tutte le varieta’ e quasi tutti maschietti! Speriamo che la seconda parte dell’anno ci porti anche delle femminucce! Una bella tavolozza di colori e faccette paffute che si affacciano al mondo.

Le mamme Ragdoll, tranquille come sempre, li guardano placide, e poi li lasciano volentieri per fare uno spuntino o semplicemente sgranchirsi le zampe. I cuccioli sono belli impegnativi! E poi…che noia stare sempre sdraiate ad allattarli! Questo sembrano dire gli sguardi delle mie gatte quando miagolano perche’ le faccia uscire!

gatto Ragdoll e il terremoto

Si dice sempre che gli animali possono prevedere gli eventi naturali come i terremoti. In tanti anni che ho passato con I Ragdoll, e ormai sono oltre 24, non e’ mai successo. Proprio mai. 

Nei lontani anni novanta quando un grosso terremoto scosse Roma e dintorni, io avevo pochi gatti. 6 Ragdoll, i miei fondatori. 

La casa ci ballava tutta intorno e i lampadari dondolavano sul soffitto fino a farci venire il mal di mare. Eravamo tutti nel panico. E i ragdoll? Dormivano placidamente nelle loro cucce come se nulla fosse. 

Li prelevammo dalle cucce per metterli nei trasportino e portarli in strada. Noi eravamo tutti trafelati e agitati. Loro non fecero nemmeno un “miao.”

Quei primi gatti fondatori sono morti ormai ed ho i loro discendenti qui con me: figli, nipoti e pronipoti vari. Ma le scene sono sempre le stesse. Ad ogni terremoto.

Durante il terremoto dell’Aquila, i gatti non si sono mossi. Ne’ un fremito di paura, non un miagolio di tensione. 

Nulla. Continuavano a dormire, mangiare e svolgere le loro attivita’ sereni e rilassati. proprio come lo sono sempre, dei VERI Ragdoll!

Insomma, se e’ forse vero che gli animali sentono arrivare i terremoti, posso testimoniare che i miei Ragdoll, non li sentono nemmeno quando sono in atto... Figuriamoci prima!

Siamo arrivati di nuovo a Natale!

Ogni anno, dopo aver fatto l’albero, con le palline rigorosamente in materiali infrangibili anti - gatto, plastica e legno, ci prepariamo anche di fare dei regalini ai gatti.

Non a tutti! Sono troppi. 

Ogni anno a turno, vengono fatti regali a 4/5 gatti, che poi ovviamente useranno anche tutti gli altri.  Di solito, i fortunati sono i nuovi gatti dell’anno, i piu’ giovani.

Io e mia figlia andiamo in un grande negozio e scegliamo tra gli scaffali quale dono sia adatto a quel gatto in particolare e cosi via!

Poi li portiamo a casa e li incartiamo. Infine vengono messi sotto l’albero di Natale insieme a tutti gli altri doni!

Tutti i gatti ricevono una scatoletta in più del loro cibo preferito e la sera del 24, scartiamo insieme tutti i pacchi con i gatti “destinatari” dei doni presenti sotto l’albero. E’ una grande festa!!!

Dopo aver scartato tutti i gatti giocano con i loro nuovi doni, cucce , giocattoli e tronchi ma soprattutto…di divertono da matti rotolandosi tra la carta da pacchi sparsa per tutto il salotto, e masticando i fiocchi e le coccarde! 

Evviva Il Natale!


SILMARILIONS LILLY

Mia figlia, nonche’ la mia piu’ vicina collaboratrice nell’allevamento, di tanto mi faceva notare: “Mamma, Non abbiamo gatti Seal Bicolori! Perche’ non li abbiamo? Ne produciamo tanti e tu li vendi sempre tutti….sono cosi belli! Teniamone uno!”

Io le ripetevo: “Ne terremo uno prima o poi…” Ma cio’ non e’ mai successo.

La verita’ e’ che io di bicolori non ne produco tantissimi e sono la varieta’ piu’ richiesta dagli allevatori dunque…sono i primi che vendo all’estero in genere! E poi, lo ammetto,io ho una passione per i seal mitted, li preferisco ai bicolori e mi servono di piu’ in un’ottica di allevamento. Cosi….i seal bicolori venivano sempre venduti!

Quest’anno c’e’ stato un vero Baby boom! Sono nati, tanti, tantissimi cuccioli!!! E ne siamo felicissimi ovviamente! L’ultima cucciolata e’ stata di ben 7 piccoli! Tra di loro, ci stava una piccina seal bicolore. Mia figlia subito ha detto:” la teniamo?” “Ok, le ho risposto,” se e’ buona e simpatica la teniamo. Deve essere un super Ragdoll di carattere!”

Ed ecco…Lilly! Nome semplice e gentile per una micetta semplice e gentile! Si tratta di una seal bicolore ( true bicolor) si vecchio stampo: lunga e alta sulle zampe, col musetto dolce e ben cesellato. Mi ricorda tantissimo i Ragdoll del 1993,non i Ragdoll “tracagnotti e bassotti” simil – persiano di cui siamo pieni oggi purtroppo.

Dunque… Lilly resta con noi! E’ dolcissima, super rilassata e super molle come deve essere un Ragdoll. E’ capace di restare ferma sulla scrivania per ore mentre io lavoro al pc. Facendo incessantemente le fusa!

E’ grossa di taglia con un ottimo colore d’occhi ma soprattutto…e’ un VERO ragdoll di carattere!

Maggiori informazioni >